logo

Auguri di buon anno 2021!

Carissimi,

è stato un anno difficile, imprevisto, cattivo, ma anche un anno popolato di cose e persone che lo hanno, comunque, reso speciale. Vi dedico una lirica di Tagore, sulla  grande domanda di sempre: perché siamo qui, chi risponderà alle nostre domande? Quanti dubbi e incertezze… E quante risposte… Chissà se sono quelle giuste… Se Dio, la Natura, il Mondo… A tutta la famiglia Fermi auguri dalla vostra DS di buon anno e di “pensieri” che si mutano “in canzoni”!

Al risveglio ho trovato
con la luce una lettera.
Ma non posso sapere
che dice: non so leggere.

E non voglio distrarre
un sapiente dai libri:
ciò che c’è scritto forse
non lo saprebbe leggere.

La terrò sulla fronte,
la terrò stretta al cuore.
Quando scende la notte
ed escono le stelle,
la porterò sul grembo
e resterò in silenzio.
E me la leggeranno
le foglie che stormiscono,
e ne farà il ruscello
col suo scorrere un canto
che a me ripeterà
anche l’Orsa dal cielo.

Io non lo so trovare
quel che cerco, o capire
cosa dovrei imparare,
ma so che questa lettera
che non ho letto, ha reso
più lieve il mio fardello,
e tutti i miei pensieri
ha mutato in canzoni.

Rabindranath Tagore

Comments are closed.